SAGITTARIO

SAGITTARIO.  Spericolato, conformista, ama enciclopedie e collezioni. Esploratore solitario di luoghi e ambienti sociali.

Da piccolissimo invade tutto lo spazio che i suoi occhi riescono a vedere e non si sa quasi mai dove ha lasciato i giocattoli, oppure sparisce alla vista per “esplorare”, andare a vedere cosa c’è oltre il giardino. Pur amando l’ordine, segue la disciplina solo dopo i 24 anni: prima tende ad essere disordinato, anticonformista, ribelle ad ogni obbligo, impossibile da tenere a freno.

Buon consigliere o malignosa lingua biforcuta, invadente o al contrario dotato di un self control molto british, esuberante e fanfarone e pressapochista oppure più preciso di un dizionario etimologico e un atlante aggiornato a domani.

È un improvvisatore: sia uomo o donna, con tono deciso afferma di sapere aggiustare il rubinetto o rimettere in sesto l’auto in panne, intanto prova, se non riuscirà… almeno ci ha provato.  Forse dentro di sé pensano “Aiutati che il ciel ti aiuta” e “chi non risica non rosica”: di fatto si diverte ad usare frasi che lo hanno colpito e ripetere proverbi, poche parole ma chiare, ancor auna volta è sé stesso.

Pasticcione, pasticcere o chef? Dipende da quanta disciplina i genitori l’avranno obbligato a seguire fin da piccolo.  Può dare l’apparenza di avere cinque stelle per come presenta e impiatta benissimo un saporito già pronto surgelato.

Il Sagittario è un segno mobile, indica il passaggio dalla fine autunno ad inizio inverno, transita tra l’amore per le comodità e la voglia di viaggiare esplorando luoghi sconosciuti e selvaggi; il suo ottimismo è venato da una forma di previdenza del cattivo tempo, ha atteggiamenti festaioli e conviviali ma difficilmente eccede in socialità trovando sempre il tempo per starsene da solo a leggere, scrivere, o dipingere e osservare.  Immancabile l’amore per lo sport ed altre attività fisiche.

È informato su avvenimenti mondiali importanti e degli ultimi pettegolezzi; conosce persone che vivono in ogni continente; ha bisogno di muovere le gambe, colleziona non importa cosa; conosce almeno una frase di ogni lingua utile al momento; apprezza la cucina esotica; ha la scorta di cioccolata per i momenti tristi e noiosi. Per i viaggi sceglie moto o jeep, o auto grande per ospitare bagagli, attrezzi o il fedele animale più che gli amici: si diverte di più con poche persone per volta e soprattutto non vuole discussioni né grane altrui: di questo “abito interiore” non si spoglia mai. Ha fiducia nella sua fortuna e buona stella, pensa positivo e bene-dice ma la sua lingua sa essere più pungente della punta di una freccia.

SAGITTARIO E IL CORPO

Sente i cambiamenti atmosferici (come gli altri segni mobili: pesci gemelli e vergine).  Soffre facilmente di allergie respiratorie fin da piccolo, crisi in parte dovute ad energie che cercano uno sfogo all’esterno. In effetti sta meglio all’aperto e in spazi immensi capaci di soddisfare il suo bisogno di libertà prima di tutto fisica.  I suoi punti deboli sono le gambe e il fegato, oltre i polmoni e la gola, le situazioni sono aggravate se conduce una vita “viziosa” e gioviale.

SAGITTARIO: ABILITA’ E HOBBY

Tra i passatempi preferiti c’è lo sport di gruppo (calcio) o di compagnia o di sfida con sé stesso e solitario tipo tiro con l’arco, sci, ippica. O esotici come il karatè, o a contatto con l’immensa natura come la barca a vela che più lo fa sentire libero come l’aria e a contatto con le stelle e il cielo.   Queste attività necessitano buona vista, concentrazione e agilità muscolare, sintonia tra la parte superiore e inferiore del corpo.

C’è anche il sagittario sedentario, viaggia con la fantasia, si proietta nel futuro profetico, si assume la missione di educare e promuovere tolleranza e convivenza pacifica perché le tensioni di qualsiasi genere lo destabilizzano e lo portano ad isolarsi.

Abile fotografo “geografico” o di animali che ama e a cui in qualche modo si sente vicino.  Infatti il simbolo celeste del Sagittario è un essere con la parte alta del corpo umana e quella bassa di cavallo.  Chi ha pianeti importati in sagittario, in qualche modo ricorda nel viso il cavallo.  Si lascia attrarre e da ciò che solca il cielo come gli aerei o i volatili, oltre naturalmente dalle costellazioni e l’immenso mai definibile cosmo sempre in movimento.

Sa gestire ottimamente spazio e luce, non si perde mai per strada perché si affida a solidi punti di riferimento; la sua massima è “una cosa per volta, stabile, per non andare in confusione”.  È infatti un abile tecnico delle luci e arredatore o designer, pochi meglio di lui sanno sfruttare al massimo delle potenzialità lo spazio vitale.

Legge di preferenza trattati di filosofia e opere classiche, conosco un sagittario che sa a memoria buona parte ella Divina Commedia.  Si sente Professore ed è a proprio agio quando siede “in cattedra”, cioè un pochino più su degli altri a cui concede una parte di verità, come la carta del Papa dei Tarocchi Maggiori, come il Papa vero e di questo segno ci fu Papa Giovanni XXIII e ora Francesco.   L’etimologia della parola PONTEFICE significa Ponte tra terra e cielo, e questo è chiamato a svolgere ogni Sagittario, la sua missione è innalzarci, farci andare oltre il presente e oltrepassare i limiti che ci diamo per pigrizia o per ignoranza.

Il suo potere si manifesta attraverso la Parola, per questo è attratto da ruoli sociali in cui si indossa una specie o una precisa divisa: come l’ambasciatore “non porta pena” e in effetti ha un sesto senso per stare alla larga dalle notizie tristi o dirle con pacatezza e rassicurando.    spettacolo come Crozza o altre comiche “impegnate “.

Ironizza sulle proprie e altrui nevrosi (Maurizio Crozza e Paola Cortellesi), dipinge sii esprime con colori forti e tinte contrastanti e in qualche modo esprime la forma geometrica come Paul Klee . Portato alla ricerca come Veronesi che ha cercato di dare una speranza contro il tumore.  Il modo e argomento di scrittura più sagittario lo si ritrova nelle poesie della grande Emily Dickinson.

Fiducioso e ottimista fino all’inverosimile, può cadere vittima di imbrogli quando segue gli altri più che i suoi sogni notturni e visioni che spesso gli indicano la giusta via. Le sue profezie sono più autentiche di qualsiasi ragionamento e analisi, deve imparare a unire le due parti uomo e cavallo, e il cavallo sono gli istinti, l’anima che va conosciuta altrimenti invade la psiche e crea danni non solo materiali.

SAGITTARIO E AMORE

Un amico sagittario mi disse: “Se non capisci una persona, devi seguirla”, quindi se un sagittario vi segue…

In amore è fedele per evitare noie o per pigrizia, non ama fare scappatelle, ha una fede incrollabile nei dogmi, di qualunque tipo per cui se dice di credere al matrimonio ci si può fidare, lo stesso se afferma di voler essere libero. A volte sono proprio la fede e questi dogmi a sostenerlo nei momenti critici.

Quando avverte la perdita di fiducia o la mancanza di libertà, sparisce senza lasciare tracce e tantomeno avvertendo prima delle sue intenzioni.

Anche se non lo dirà mai apertamente, è molto legato alla mamma, e ha sentimenti ambigui verso il papà perché tendenzialmente lo vorrebbe sentire più vicino e presente.

SAGITTARIO E ALTRI SEGNI

Segno di fuoco come l’Ariete la cui fiamma è rossa, come il Leone dalla fiamma gialla, il Sagittario è fuoco invernale e si identifica con la fiamma blu azzurra diretta verso il cielo, fuoco di entusiasmo tendenzialmente moderato, anche se talvolta esagera in questo simile al Leone ma si differenzia perché non ama essere “circondato fisicamente” da un grande gruppo di persone.   Con l’Ariete condivide entusiasmo per il rischio ma si differenzia per i modi più ritmici e in qualche modo soft mentre l’ariete sembra vada di corsa, sempre. Molti sagittari dicono spesso “dipende”, cosa a cui l’Ariete, preso dalla foga, agiscono senza prima pensare.

Degli altri segni come lui mobile, apprezza la varietà umorale e lo spirito sognatore del Pesci, non sa mai se si dimostrerà coraggioso o impaurito, ma sa che il Pesci tutto sommato gli sarà vicino quando e se avrà bisogno di un aiuto morale o concreto. Pesci e Sagittario sono segni in qualche modo religiosi o mistici solo che il Sagittario vede anche i risvolti pratici della fede.    Al contrario della Vergine, vede la foresta e va a sbattere contro il ramoscello, così recitano i libri di astrologia ed è confermato dalla realtà. La Vergine fa le pulci a ciò che dice il Sagittario però entrambi hanno una buona dose di ingenuità di cui non sono coscienti.   Con il Gemelli ha un punto in comune: nessuno dei due vuole e tantomeno pensa di cambiare l’altro, sa che è impossibile.  Nel rispetto della differenza, possono convivere e trovare spunti per divertirsi a volte insieme.  In comune hanno anche il piacere della parola.

Simili nell’amore per i cambiamenti, diversamente il Capricorno si prefigge un punto preciso e molto ambizioso a cui arrivare e si organizza, invece il Sagittario si adegua alle situazioni che cambiano e va, poi deciderà cosa e come affrontare le situazioni senza informarsi e organizzarsi adeguatamente.

Apprezza l’emotività e il modo di fare del Cancro che in qualche modo lo diverte e rassicura.  Purché la relazione abbia dei limiti, perché il Sagittario non sopporta certi cambi di umore e talvolta distacco del cancro mentre il Cancro ritiene il Sagittario un po’ disattento per i suoi gusti e imprendibile, a volte troppo dogmatico o poco rispettoso della privacy, invadente.

Acquario e Sagittario ottimo per i viaggi, ma l’Acquario è più abitudinario e non ama moltissimo l’avventura in luoghi sconosciuti.  Il Sagittario può trovare l’Acquario più svagato di lui e a volte si perdono proprio di vista, ognuno pensando che l’altro lo segua o si faccia sentire.

Toro e sagittario hanno in comune il pianeta Giove, per cui si trovano bene a tavola e in società, di base hanno uguale ottimismo e rifiuto di pensare a cose tristi o noiose.  Le abitudini del Toro, alla fine possono annoiare il Sagittario e farlo sentire ingabbiato in gelosie immotivate.

La Bilancia soppesa troppo i pro e i contro prima di decidersi e il Sagittario, sebbene apprezzi il suo senso estetico e l’uguale amore per l’arte, può sentire l’esigenza di frequentarla a piccole dosi.  In comune hanno il piacere della socialità, dei festeggiamenti in spazi ampi e con “bella gente”, ma ritiene la bilancia a volte troppo snob.

Lo Scorpione, segno vicino, si sente attaccato dalle frecciatine fredde e pungenti del Sagittario; entrambi però apprezzano cibi e luoghi esotici.  Lo scorpione ha una psiche complicata e complessa, la mente del Sagittario è filosofica per cui non riesce a capirne l’intensa emotività e le profondità.  La morte, per esempio, non fa paura allo scorpione perché la considera una situazione naturale con cui è venuto a contatto molto presto, e fa parte del risvolto della vita.  Al contrario, il Sagittario preferisce considerarla una avventura ma non approfondisce l’argomento, anzi preferisce non parlarne perché i propri e altrui cambiamenti fisici sotto sotto lo spaventano. Il sagittario si occupa di ciò che lo tocca personalmente e molto da vicino, lo scorpione si occupa di vicini e lontani, si interessa di politica e di società.

SAGITTARIO: Miti e simboli.

La punta della freccia del sagittario arriva dalla coda dello scorpione, perciò ha in sé una dose di quel veleno che può curare o eliminare del tutto il problema.  i suoi nemici conoscono quanto un sagittario sappia essere impietoso o come banalizza i problemi che non lo toccano.  Perché nel Mito, il sagittario è la rappresentazione del grandioso Giove, re dell’Olimpo, colui che decide in assoluto chi colpire e chi graziare.  La voce tonante o suadente di Giove assomiglia a quella fredda e critica o seduttiva del Sagittario.  Giove sagittari sa ridicolizzare l’avversario con una sola battuta o gesti che molto poco hanno della nobiltà d’animo.

Il rumore del sagittario assomiglia al tuono di Giove, ma ricordiamo il suono di note celestiali di Beethoven, sempre comunque decise.

Altro mito del sagittario è Chirone, l’educatore colpito dalla freccia del suo discepolo.  Per questo deve stare attento a proteggersi e non pensare di essere immune da ferite e sconfitte.

Negli Arcani Maggiori dei Tarocchi, oltre al Papa, il Sagittario è la carta dell’Innamorato ma solo per la freccia che lo sovrasta. Incerto su quale strada seguire, la scelta spetterà al cuore (mani incrociate sul cuore) perché ogni scelta del sagittario proviene dai legami affettivi. Nei tarocchi minori, il Sagittario è il cavaliere di bastoni, il viaggiatore solitario con stivali ai piedi, occhi spalancati dal piacere delle scoperte inaspettate, un po’ Cristoforo Colombo: cercò le Indie e scoprì le Americhe, importante è partire.

Il SOLE è in SAGITARIO tra il 22 Novembre e il 22 Dicembre (inizio e fine possono variare di un giorno a secondo degli anni).

Sente l’influenza di questo segno chi ha in Sagittario l’Ascendente o Giove, chi ha più di due pianeti in casa nona, chi ha Giove molto sollecitato o in Casa Prima o vicino l’Ascendente.

RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

 

 

 

Don`t copy text!